Che c’entri con noi?

Gesù sta insegnando nella sinagoga; lo fa con un’autorità che lascia tutti sgomenti e che dà particolarmente fastidio all’azione disgregante e menzognera del maligno (Mc 1,21-28). Le parole di Cristo fanno tacere i pensieri malvagi e portano alla luce la verità del bene, allontanano le insidie del male e donano pace al cuore.
Capita spesso di cadere in mezzo a discussioni che più si protraggono più diventano tortuose e litigiose, nelle quali si perde di vista ciò di cui si parla perché ci si preoccupa solo di difendere la propria posizione e controbattere alla persona che si ha di fronte. In questi casi dovremmo tutti ricordare il monito di Gesù allo spirito immondo: “Taci!”.
Taci, quando ti accorgi che la discussione è vuota e non porta da nessuna parte. Fai tacere le voci maligne che senti nell’interiorità, quando vedi che i pensieri che si agitano dentro di te ti portano a ripiegarti in modo melanconico sul passato o a preoccuparti con eccessivo affanno e ansia per il futuro, ma non riesci a stare bene dentro il tuo presente. Invoca la presenza di Cristo per azzittire i dubbi e i pensieri malvagi che ti fanno guardare ad ogni cosa in modo negativo se non addirittura catastrofico. Metti a tacere i tanti e fasulli sensi di colpa che ti opprimono e non ti permettono di perdonarti e di accettarti per ciò che sei, ma apriti all’azione liberante di Dio.
Lo spirito immondo pone a Gesù una domanda che fa riflettere: “Che c’entri con noi, Gesù?”. In effetti Cristo non c’entra proprio nulla col male. Eppure, quante volte capita anche a noi di porre a Cristo la stessa domanda: “Che c’entri, Gesù, con quello che sto vivendo?”. Facciamo attenzione, perché ci troviamo in una condizione ingannevole e facciamo il gioco del maligno. Cristo, il Signore della vita, c’entra con tutto ciò che fa parte della vita di ogni uomo. Siamo noi che non lo vediamo, che non accettiamo la sua logica e che fatichiamo ad assumere la sua mentalità acquisita col battesimo. Riformuliamo allora la domanda secondo lo Spirito: Signore, vieni presto in mio aiuto in questa situazione, come la vedi tu? Mostrami il tuo volto e avrò la vita!

#ilvangelodelladomenica
#tacere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.