Cascine Vica e la Madre Fondatrice

Domenica 22 ottobre si è celebrata l’ultima Eucaristia di ringraziamento per la venerabilità di madre Maria degli Angeli, proprio nella chiesa dell’amato monastero di Cascine Vica, dove la Madre ha vissuto 15 anni. La liturgia è stata partecipata con grande gioia dai fedeli di Cascine Vica, amici del monastero; particolare affetto è stato manifestato a Sr. Antonietta, unica rappresentate delle monache di Cascine Vica, trasferite nel nostro convento di Mondovì. La sorella, durante la processione di ingresso dei sacerdoti, ha portato all’altare un grosso cero con stemma carmelitano tra i fiori: segno della presenza spirituale dell’intera piccola comunità delle claustrali, è salita all’altare in cappa bianca, accompagnata da Sr. Martina, pure lei in cappa bianca.

Numerosi anche i Sacerdoti celebranti: Padre Fausto Lincio Provinciale ocd, celebrante principale; Mons. Claudio Iovine, già Relatore del Dicastero delle Cause dei Santi  e Postulatore di cause diverse, che ha letto il Decreto pontificio di venerabilità della Madre; Mons. Giuseppe Ghiberti, biblista e sindonologo; il Parroco della parrocchia di S. Paolo di Cascine Vica; Don Giuseppe Nota, ex parroco di San Paolo di Cascine Vica; Padre Giulio Camia, ocd Provincia Ligure, della comunità di S. Teresa di Torino e un sacerdote salesiano, cappellano della chiesa del Monastero.

Fra le autorità civili era presente la Sindaco di Marene in rappresentanza della città natale della Madre, e l’Assessore Adriano Sozza, in rappresentanza dell’autorità della città di Rivoli. Al termine della liturgia tutti i fedeli hanno cantato insieme l’Inno dedicato alla Venerabile e hanno concluso con la nuova preghiera di intercessione per ottenere un miracolo.

I fedeli, insieme alle sorelle ora custodi del monastero, hanno offerto un generoso e delicato rinfresco.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.