Riversiamo, oggi, nel calice del sacerdote celebrante, tutta la nostra pochezza e attivi-tà, le nostre gioie e le nostre sofferenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.