Maria, madre di Dio

Il primo giorno dell’anno è dedicato a Maria, la madre di Dio (Lc 2,16-21). La theotokos tesse la carne umana di Cristo, ma genera anche spiritualmente in noi la Sua Presenza. Con il suo modo di vivere mostra, così, anche a noi come possiamo portare Cristo nelle vite-grembo degli altri. Nel Vangelo di Luca emerge come Maria custodisca tutto, ogni singolo e talvolta impercettibile evento, meditandolo nel suo cuore. Cos’ha fatto Maria per generare Gesù nel suo grembo se non custodendo le parole dell’angelo? Vediamo che lei continua a fare così ancora adesso, mentre vede i pastori in adorazione del bambino Gesù. Essere custodi del Verbo è ciò che possiamo fare anche noi, meditando alla luce della Parola eterna che è entrata nel tempo tutto quello che accade. Sia questo nuovo anno l’occasione per scoprirci custodi del Verbo e portatori di Cristo (Cristofori) in quanti incontreremo nel corso dell’anno.

 

dc0917cb141f7a4253d80e89122bf6cb  bf3774b2627217c5c2e55757b703965b

a0f23cbce6da3baf243ddf9002fdd08c

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.