La conoscenza di sè

La conoscenza di sé…

è il pane che si deve mangiare tutti i giorni, dice S. Teresa in Vita 13,15.

Proprio da questa citazione Padre Paolo Galbiati ha iniziato l’incontro di formazione carmelitana con noi, giovani del Noviziato, sabato 18 febbraio. Abbiamo vissuto infatti, ad Arenzano, una giornata piena di incontri belli, arricchenti e anche emozionanti. Tra questi:

*          l’accoglienza e la disponibilità dei Padri Carmelitani del piccolo Seminario,

*          l’approfondimento di alcuni capitoli del Castello Interiore,

*          il silenzio e la preghiera personale tra le bellezze della natura (la giornata era splendida!), o davanti al Tabernacolo,

*          la condivisione con Padre Paolo di quanto lo Spirito ci ha fatto percepire,

*          la partecipazione alla Concelebrazione Eucaristica e il pranzo insieme ai Padri e ai giovani seminaristi,

*          la visita e la spiegazione del Santuario di Gesù Bambino…

Quale ricchezza ci ha donato l’incontro con S. Teresa in questa giornata? Il desiderio e l’impegno personale, attraverso l’Orazione, di andare in profondità per una conoscenza spirituale che rivela ciò che la nostra anima è veramente davanti a Dio. Teresa chiede di cercarci e conoscerci alla luce di Dio per essere coscienti di quello che si è, delle potenzialità che Dio ci ha donato, delle tendenze cattive che ostacolano il cammino verso Dio.

Sempre S. Teresa ci insegna che il vero confronto con le persone che il Signore ci mette accanto, accogliendo pregi e limiti, è il modo migliore di conoscere se stessi.

Con in cuore sincera gratitudine, chiediamo al Signore di far tesoro di tanta Grazia e di saper vivere nella quotidianità della vita fraterna la bellezza del nostro carisma carmelitano.

Le giovani del Noviziato

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.