Gesù Bambino Pellegrino visita le famiglie della scuola dell’infanzia di Castello di Godego

 Finalmente è arrivato anche il mio turno !!

Oggi Gesù Bambino Pellegrino, è venuto a casa con me ed io l’ho accolto come un’ospite davvero speciale.

Gli ho mostrato la mia casa e poi l’ho tenuto un po’ insieme a me seduti sul divano a vedere lo Zecchino d’Oro.

Quando è stata l’ora della cena insieme ai miei fratelli abbiamo preparato la tavola ed io ho deciso di mettere Gesù proprio in mezzo; così noi potevamo vederlo e Lui anche ci poteva vedere.

E’ stato bello averlo accolto in casa nostra e, anche se ero un po’ dispiaciuta perché dovevo riportarlo a scuola, ero comunque contenta poiché gli avevo promesso che l’avrei portato a fare un giro con il pulmino. E così è stato.

                                                                                                                                                                                                                               1   32                                                                                                                                                                            Agnese                                   

Un ospite speciale

Ciao sono Davide della sezione Lupetti,

venerdì ho portato a casa con me un ospite speciale: Gesù Bambino Pellegrino!

Ho spiegato a papà, mamma e alle mie due sorelle Agnese e Teresa che sarebbe stato con noi e che avremmo dovuto fare un dolce per festeggiare la sua presenza.

Ci siamo subito tutti messi all’opera per rendere il soggiorno di questo ospite importante il più piacevole possibile per lui e per noi. Abbiamo cercato un posto speciale solo per lui, abbiamo cercato di non lasciarlo mai solo, neanche di notte… ha dormito con me e Agnese. Ha fatto parte della nostra vita minuto per minuto. Ha reso più bella e importante la preghierina della sera.

Un po’ dispiaciuti lo riporteremo a scuola per fargli fare un’altra piccola vacanza a casa di qualche mio compagno/a, ma poi ho pensato che suor Jole qualche giorno fa ci ha regalato una chiavetta per aprire il nostro cuoricino a Gesù Bambino (così ci ha spiegato)… ed è proprio quello il posto speciale per Lui, dove Lui non ci lascia mai soli, dove è presente minuto per minuto. E’ proprio lì che Gesù è il nostro “ospite speciale”!

                                                                                                                                                                                Davide Aru

E’ l’arrivo di Gesù Pellegrino che quest’anno ha segnato l’inizio in casa nostra dell’Avvento.

E’ stata una grande festa. Matilde ha atteso questo arrivo con la trepidazione di chi aspetta un caro e importante amico.

C’era gioia, abbiamo preparato la cena delle grandi occasioni e abbiamo chiamato i nonni per condividere un momento di preghiera speciale.

Ecco come una semplice statuina può risvegliare l’essenza della famiglia; il Natale allora non si riduce così solo alle feste e allo scambio dei regali, ma alla gioia dello stare insieme e del volersi bene.

E’ stato bellissimo parlare con Lui a tavola, si percepiva viva la sua presenza e si sono condivisi gli impegni per l’Avvento.

Alla nostra bambina luccicavano gli occhi.

E’ stata una giornata ricca di emozione e quando Matilde ha detto “Questa è la serata più bella” ci ha riempito il cuore e abbiamo potuto renderci conto ancora una volta quanto bello e profondo sia il Natale, questo Gesù che nasce e che ogni volta fa rinascere anche la famiglia.

                                                                                                                                   Lisa e Cristian con Matilde e Giulio

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA: C’E’ GESU’ PELLEGRINO!!!!

Aggiungete un posto a tavola mamma e papà, oggi arriverà un ospite davvero speciale!!! È con grande entusiasmo che oggi Tommaso è tornato da scuola con questa magica scatolina, al suo interno infatti si custodiva un tesoro davvero prezioso Gesù pellegrino! Grandi preparativi hanno allietato il pomeriggio, doveva esserci una cena esclusiva con il menù preferito dai bambini pollo e patatine fritte!! L’emozione e la gioia nei loro occhi che lo accolgono e gli fanno posto sopra alla tavola, nel cuore della casa, per festeggiarlo e onorarlo come un vero principe! Protagonista indiscusso della nostra giornata, assieme ai nonni e agli zii abbiamo gustato la presenza di questo dolce bambino, con la preghiera abbiamo concluso questa ricca e preziosa serata, nell’attesa di vivere sempre la sua venuta con un cuore puro e l’entusiasmo tipico dei bambini!

                                                                                               

image2                       image3  

                                                                                                    Tommaso, Erika, Marco, M. Vittoria e…Benedetta

 

Durante i primi giorni di Avvento è arrivato Gesù Bambino nella nostra famiglia, avvolto in una piccola culla, ovvero “Gesù Pellegrino”. E’ l’iniziativa della nostra Scuola dell’Infanzia che ha coinvolto adulti e bambini.

E’ arrivato con nostro figlio Giacomo ed è stato accolto da tutti noi con tanta sorpresa e tanto stupore.

Giacomo si è subito affrettato a spiegarci che Gesù Bambino vuole entrare in tutte le famiglie per portare la sua Luce e la sua Pace.

La sera stessa ci siamo riuniti davanti a quell’immagine di un Volto che ci guarda con infinita tenerezza. Abbiamo acceso la candelina e pregato assieme ai nostri tre bambini.

Quel Gesù Bambino itinerante, in poco tempo, ci ha risvegliato dal torpore e dagli affanni della quotidianità; ha riscaldato i nostri cuori, li ha riempiti di speranza e ci ha portato a riflettere sui valori fondamentali della nostra vita. Grazie Gesù Pellegrino!

                                                                                                                      Alessia, Alberto, Daniele, Giacomo e Stefano

 

 

 

 

One thought on “Gesù Bambino Pellegrino visita le famiglie della scuola dell’infanzia di Castello di Godego

  • 12 dicembre 2015 at 15:21
    Permalink

    Grazie per questa testimonianza.
    Sr. Marisa

    Reply

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.